Esami clinici per la diagnosi della stenosi uretrale femminile

DIAGNOSI DELLA STENOSI URETRALE FEMMINILE

Una corretta diagnosi fornisce informazioni sulla natura della stenosi uretrale femminile e consente di pianificare la migliore tipologia di intervento

Esame obiettivo

Visitare la paziente può già indirizzare verso una diagnosi di patologia uretrale, come nel caso di lichen sclerosus dei genitali, presenza di stenosi del meato uretrale.

Urinocoltura

La paziente con stenosi uretrale spesso riferisce una storia di infezioni urinarie recidivanti conseguenti al ristagno post-minzionale e confermate da varie urinocolture. I batteri che più frequentemente sono isolati nelle urinocolture sono: Escherichia Coli, Klebsiella pneumoniae, Pseudomonas aeruginosa, Proteus mirabilis, Enterobacter, ecc.

Uroflussometria

È il primo esame clinico che fa sospettare la presenza di un'ostruzione uretrale. È opportuno valutare più esami uroflussometrici effettuati in giorni diversi. Bisogna tenere presente che il flusso può essere influenzato dall'età e da patologie associate. Non esiste un valore limite codificato di flusso massimo sotto il quale è giustificato sospettare una stenosi uretrale; comunque, come dato di riferimento sospetto per una ostruzione urinaria, la letteratura riporta il valore di flusso massimo inferiore a 14 ml/sec.

Esame urodinamico

Serve per escludere la concomitanza di disfunzioni come incontinenza da stress, iperattività del detrusore

Uretrocistografia minzionale

L'Uretrocistografia minzionale [Fig. 3] è l'esame fondamentale per lo studio della stenosi uretrale.
È un esame di non facile esecuzione, che richiede personale tecnico ben istruito. Un esame ben fatto ci fornisce indicazioni sulla stenosi uretrale, che comunque devono essere avvalorate dalla uroflussometria e dalla uretroscopia.
L'uretrografia ci dà indicazioni sulla sede e sul grado di ostruzione uretrale.

Uretrocistografia minzionale

Fig. 3

Uretroscopia

Serve per ottenere ulteriori informazioni sulla stenosi.
È indispensabile effettuare i la valutazione endoscopica in narcosi, per differenziare le stenosi funzionali da quelle fisiologiche.

Dott.ssa Elisa Berdondini - specialista urologia - patologie dell'uretra - Torino P.iva 02099720399

Cookies Policy | Privacy Policy