Diagnosi dell'Ipospadia complicata: uretrografia, uretroscopia, uroflussometria

DIAGNOSI IPOSPADIA

La stadiazione diagnostica è molto importante sia per il chirurgo che per il paziente.
La diagnostica si basa su:

Esame obiettivo

È importante un'attenta valutazione dei genitali e dei tessuti a disposizione per la ricostruzione [Fig. 22-23].

diagnosi ipospadia

Fig. 22

esami per ipospadia complicata

Fig. 23

Uroflussometria

un flusso urinario ostruito (rivelato da questo esame) fa emergere un problema che era latente. I pazienti, infatti, sin dall'infanzia sono abituati ad urinare male e non hanno cognizione di cosa significhi urinare bene.

Uretrografia retrograda e minzionale

[Fig. 24 A, B]: fornisce un'oggettiva valutazione morfologica dell'uretra mirata ad evidenziare la presenza di stenosi [Fig. 25 A,B], diverticoli, calcoli [Fig. 26] e altro.

uretrografia retrogada di uretra sana

Fig. 24 L'Uretrografia retrograda nell' uretra sana (A), riproduce fedelmente la sua struttura anatomica (B)

uretrografia stenosi uretrale distale e totale

Fig. 25 Stenosi dell' uretra peniena distale (A) e totale (B)

Stenosi uretrale e diverticoli uretrali

Fig. 26 Stenosi uretrale e diverticoli uretrali

In questi pazienti l'esame radiologico non è di facile esecuzione in quanto l'uretra si presenta alterata o ristretta fin dal neomeato uretrale. Per l'esecuzione dell'esame è necessario un particolare Kit dotato di un piccolo imbuto che viene appoggiato al meato per consentire l'introduzione del mezzo di contrasto all'interno dell'uretra [Fig. 27].

kit uretrografia

Fig. 27

Uretroscopia in narcosi

aggiunge ulteriori dati, come la presenza di calcoli, peli, diverticoli, ponti cicatriziali che dividono il lume uretrale, ecc. [Fig. 28A-B e 29 A-B]. Utili alla valutazione e alla decisione della strategia terapeutica. Per avere delle informazioni realmente utili, è consigliabile eseguire l'esame in narcosi in quanto questi pazienti hanno alle spalle una storia drammatica di ripetuti interventi e manipolazioni che li rende poco complianti e molto sensibili al dolore. L'esame viene eseguito con strumenti endoscopici sottili (7 Fr – 11 Fr).

uretroscopia

Fig. 28 Visione endoscopica: stenosi uretrale (A); stenosi e uretra sclerotica (B)

visione endoscopica uretra

Fig. 29 Visione endoscopica: doppio lume uretrale (A); calcolo e peli in uretra (B)

Dott.ssa Elisa Berdondini - specialista urologia - patologie dell'uretra - Torino P.iva 02099720399

Cookies Policy | Privacy Policy